Giainel's Secrets

Apr
29
2011

Come installare Ubuntu Linux in dual boot con Windows 7, Windows Vista o Windows XP

Oggi è il gran giorno! Finalmente, vi spiegherò gli ultimi passi per installare in modo definitivo Ubuntu sul vostro hard disk in dual boot con Windows XP, Windows 7 o Windows Vista.

Ci sono state tante fasi preliminari prima di giungere a questo punto e adesso manca ancora un ultimo sforzo. Poi, il resto sarà in discesa! 🙂

È vero, dovrete (e mi ci metto anch’io) prendere confidenza con un nuovo sistema operativo, ma sono convinto che sarà divertente!

Bene ragazzi, siete pronti? Sì? E allora, partiamo! 😉

Come installare Ubuntu in dual boot con Windows 7,

Windows Vista o Windows XP

Innanzitutto, dovete ripetere le stesse operazioni che vi avevo descritto per avviare Ubuntu nella modalità Live. (Per chi non avesse letto quella guida, la può consultare, cliccando qui).

A differenza dell’altra volta, però, non cliccherete più su “Prova Ubuntu”, ma suInstalla Ubuntu“.

Quindi, ricapitolando. Dopo aver inserito il CD di Ubuntu e aver configurato il Bios in modo tale che il sistema si carichi attraverso il supporto CD ROM, attendete che si carichi la prima schermata di Ubuntu.

Nella schermata di benvenuto (“Welcome“), cliccate su “Italiano“, posto sulla barra laterale sinistra in modo da tradurre il wizard di installazione nella nostra lingua e poi cliccate su “Installa Ubuntu“.

Comparirà una nuova schermata che illustra lo stato del vostro computer e vi dice se potete andare avanti o meno con l’installazione.

Ora, se vedete che non siete connessi a internet o non avete una connessione a banda larga, non mettete la spunta suScaricare gli aggiornamenti durante l’installazione“.

Se invece, Ubuntu rileva che siete connessi a internet e sapete che la vostra connessione non si affida ancora ai vecchi modem a 64 K, mettete pure la spunta suScaricare gli aggiornamenti durante l’installazione“.

Non mettete invece la spunta suInstallare software di terze parti“. Ci sarà poi tempo per farlo.

Fatto questo, cliccate su “Avanti”.

Dopo qualche istante, comparirà una nuova finestra dal titolo “Allocazione spazio su disco“. Voi, mettete la spunta suSpecifica manualmente le partizioni (Avanzato)“. Cliccate su “Avanti”.

Comparirà una nuova schermata che illustra graficamente com’è suddiviso il vostro hard disk.

Nella tabella che comparirà, sotto la voce “Device“, cercate quella che fa riferimento alla partizione vuota che vi avevo fatto creare in una delle guide precedenti. Dovrebbe essere identificata con il nome “spazio libero“.

Se non avete ancora creato una partizione nel vostro hard disk, cliccate qui per leggere la guida relativa a Windows XP oppure qui per la guida dedicata a Windows 7 e Windows Vista.

Dopo averla trovata, cliccateci sopra una volta con il tasto sinistro del mouse in modo tale da evidenziarla. Poi, cliccateci sopra con il tasto destro del mouse e cliccate su “Aggiungi…“.

Comparirà una nuova finestra dal titoloCrea partizione“.

Mi rendo conto che questa è la parte un po’ più complicata rispetto alle altre fasi che vi ho descritto fino a questo punto, ma, se mi seguite attentamente, vedrete che ce la farete!

Dobbiamo creare due partizioni. Cominciamo con il creare la partizione di swap.

Come creare la partizione di swap per Ubuntu

Dalla finestra che si è appena aperta (“Crea partizione”), dove c’è “Tipo della nuova partizione“, mettete la spunta su “Primaria“. Nel campo che fa riferimento a “Nuova dimensione della partizione in megabyte (1000000 byte)“, dovete inserire la dimensione che volete dare a questa partizione.

È un valore che varia in base a quanta ram avete a disposizione.

Se il vostro computer ha 512 MB o 768 MB, inserite il valore pari ad almeno 1 GB o un 1,5 GB.

Se avete un quantitativo di ram superiore e se pensate di utilizzare Ubuntu in situazioni normali, come ad esempio navigazione internet, Office, musica e film, allora potete creare una partizione anche di soltanto 512 MB.

Se invece pensate di fare un uso intensivo con programmi pesanti, allora create la partizione con una dimensione pari al quantitativo di ram disponibile sul vostro PC.

Dato che dovete inserire il valore in MB, se volete creare la partizione da 1 GB, inserite il valore 1024; se dovete creare una partizione da 2 GB, inserite il valore 2048. 1,5 GB invece, corrisponde a 1536 MB.

  • Dove c’è la voce “Posizione della nuova partizione“, mettete la spunta su “Inizio“.
  • Alla voce “Usare come:“, scegliete “area di swap“.
  • La partizione non ha nessun punto di mount e infatti, non dovrebbe essere nemmeno selezionabile.

Dopo che avete impostato tutti i valori in modo corretto, cliccate su “OK”. Attendete qualche istante necessario per la creazione della partizione.

Come creare la partizione per il File System di Ubuntu

A questo punto, dovete create una seconda partizione. Come vi ho spiegato precedentemente, cliccate una volta con il tasto sinistro del mouse sulla partizione “spazio libero” in modo tale da evidenziarla. Poi, cliccateci sopra con il tasto destro del mouse  e cliccate su “Aggiungi…“.

  • Nella nuova finestra che comparirà, alla voce “Tipo della nuova partizione“, mettete la spunta su “Primaria“.
  • Alla voce “Nuova dimensione della partizione in megabyte (1000000):“, lasciate il valore che è già impostato. Infatti, sarà uguale alla dimensione della partizione che avevate creato in precedenza tramite la mia vecchia guida meno la dimensione dedicata alla partizione di swap. Vi ricordo che le dimensioni consigliate per questa partizione devono essere di almeno 8 GB, quindi circa 8000 MB.
  • Alla voce “Posizione della nuova partizione:“, mettete la spunta su “Inizio“.
  • Alla voce “Usare come:“, questa volta impostate “File system ext3 con journaling“.
  • Alla voce “Punto di mount:“, inserite il simbolo “/“, senza virgolette!
  • Dopo aver impostato tutti i valori, cliccate su “OK”.

Nella schermata principale, vedrete che si sarà creata una nuova partizione che avrà come tipo “ext3”. Assicuratevi che tale partizione abbia la spunta suFormattare?“. Dovrebbe essere già messa in automatico. Nel caso non lo fosse, mettetela voi. A questo punto, non vi rimane che cliccare su “Installa“.

Avvio dell’installazione di Ubuntu

  • Comparirà la schermata “Località“. Potete decidere di lasciareRomeoppure inserire la città in cui effettivamente abitate. Se è presente nel database interno, comparirà tra le scelte nel menu a tendina. Per impostarla, cliccateci sopra una volta con il tasto sinistro del mouse. Fatto questo, cliccate su “Avanti”.
  • Comparirà poi, la schermata relativa alle impostazioni della tastiera. Ovviamente, cliccate su “Italia” sulla lista di sinistra. Per sicurezza, cliccate ancora su “Italia” anche nella colonna di destra. Se, invece, avete delle particolati esigenze, come ad esempio l’impostare la tastiera USA tramite le lettere italiane, allora scegliete la voce corretta fra le voci disponibili sulla colonna di destra.
  • Per essere sicuri della vostra scelta, provate a scrivere nell’apposito campo “Digitare qui per provare la tastiera“. Dopo che avete impostato il tutto, cliccate su “Avanti”.
  • Troverete la schermata “Informazioni personali“. Compilatela, inserendo i vostri dati. Possono essere anche nomi di fantasia. L’unica cosa a cui dovete fare attenzione è quella di inserire il nome utente con la lettera minuscola. Altrimenti, non vi permetterà di andare avanti con l’installazione.
  • Scegliete una password, che vi ricordate facilmente, altrimenti dopo non potrete più accedere al sistema o non potrete comunque eseguire certe operazioni. Lasciate la spunta su “Richiedere la password personale per accedere”. Potete anche non mettere la spunta su “Cifrare la cartella personale“. Fatto questo, cliccate su “Avanti”.
  • Non vi resta che attendere la fine della procedura di installazione!

Quando tutte le operazioni saranno state eseguite, comparirà una finestra che vi dice che l’installazione è stata completata. Voi, cliccate su “Riavvia ora“.

Il CD verrà estratto da solo. Rimuovetelo e chiudete il lettore. Poi, premete il tastoInvioda tastiera. Comparirà una nuova schermata . Lasciate selezionata la voceUbuntu, with Linux 2.6.35-22-generic”  e premete il tastoInvio“.

Dopo qualche istante, si avvierà Ubuntu! Cliccate sul nome utente una volta con il tasto sinistro del mouse, inserite la password che avete specificato in fase di installazione e cliccate su “Accedi”.

Ecco a voi Ubuntu!

Da adesso in poi, inizia una nuova avventura! Spero che attraverso la mia serie di guide, siate riusciti nel vostro intento. Ora, servirà qualche settimana per ambientarvi con un sistema operativo del tutto nuovo, ma anche questo è il bello del gioco! Se siete arrivati fin qui, sono sicuro che non vi scoraggerete alla prima difficoltà! 🙂

Spero che la guida sia stata sufficientemente chiara e utile a tutti voi. Se doveste avere dei problemi o dei dubbi, lasciate pure un  commento. Cercherò di rispondervi il più velocemente possibile!

Bene ragazzi, questo è tutto! Ciao! 😉

Se l’articolo ti è piaciuto, clicca sul bottone “Wikio”, collocato in alto, sotto il titolo del post. Verrai reindirizzato su una nuova pagina e potrai votare il mio articolo cliccando sul simbolo “Vota”. Grazie per l’attenzione. Con questa azione potrai contribuire ad aumentare le visite al mio blog e renderlo più conosciuto nel web.

Ti potrebbero anche interessare:

About the Author: Davide Ginelli

Mi chiamo Davide, anche se su questo Blog, utilizzo il mio nickname, Giainel. Sono un ragazzo di 21 anni e frequento il corso di Informatica presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca.

119 Commenti      Comments RSS Feed

  • CIao complimenti per il tuo sito web!
    Volevo dirti che ho seguito le tue indicazioni ma adesso grazie all’ultima versione di Ubuntu durante la fase di installazione si può creare direttamente senza seguire tutti questi passaggi, creare partizioni etc! semplicemente eseguire l’installazione di ubuntu 13x e seguire le istruzioni 🙂

  • Grazie Davide per questi “chiarissimi” articoli, penso sia per Te gratificante sapere che solo grazie a questi e a quelli di altri molti giovanissimi, che anche quelli come mè (73 anni) possono giocare e apprendere su come muoversi con il pc.
    Grazie di nuovo e complimenti. Antonio.

  • ehi ciao..complimenti per il manuale..volevo chiederti un ulteriore aiuto..quando vado ad installare ubuntu non mi trova la partizione k ho creato per ubuntu..ho rifatto il procedimento più volte ma sempre lo stesso problema..mi potresti aiutare gentilmente??..grazie in anticipo!!!!

  • Ciao… complimenti per le guide ( chiare e puntuali)… io ho un problema con l’installazione di Ubuntu in dual boot… ho creato la partizione da 12 giga seguendo la tua guida e tutte le procedure successive che mi portano ad installare ubuntu, ma quando arrivo alla sezione con le partizioni ho un problema. Mi dice che la partizione da 12 G è inutilizzabile, cliccando con il destro mi permette solo di fare ripristina… ma facendo ripristina la situazione non cambia… grazie in anticipo 🙂

  • Grazie di tutto questo Gianiel! Questa guida, come le altre, sono state utilissime per aiutarmi con il nuovo Sistema Operativo Ubuntu. Ho solo avuto qualche intoppo per installarlo, dato che la versione di ora è aggiornata, ma è andata tutto liscio come l’olio. Lo trovo molto carino in architettura e spero migliorerà ancora. Cercherò di migliorarmi con Ubuntu al meglio 😉
    Grazie ancora.

  • Carissimo Davide,
    mi sono permesso di linkare il tuo articolo che trovo molto soddisfacente sul mio sito. Ho un sito che parla esclusivamente di Stefuntu che è una mia distribuzione basata su Ubuntu. Al momento lo sto aggiornando e se sei interessato a provare una delle due mie distribuzioni Stefuntu a 32 o 64bit, ti posso dare i link diretti al download:

    32bit – http://www.stefuntu.eu/stefuntu-12-i386.iso

    64bit – http://www.stefuntu.eu/stefuntu-12-amd64.iso

    Le distribuzioni sono state testate e non ho riscontrato difetti, anomalie, bug o altre cose che possono in qualsiasi modo danneggiare un PC. Sono basate su LINUX-Ubuntu ed ho cambiato solo il nome, gli sfondi desktop, le icone ed alcune impostazioni di default.

    Spero vivamente in una collaborazione, in attesa aspetto una tua gentile risposta!

    Stefano.

  • Complimenti per la guida ma…AIUTO.
    Quando creo la partizione di swap,faccio quello che dici ma dopo averla creata lo spazio libero da 12 gb diventa “inusabile”. (e la swap “sconosciuto”). Perchè? Come faccio?

  • Ciao Davide,
    dopo mille peripezie sono riuscito a creare le due partizioni (qll da 2GB e qll da 10GB) ma durante la creazione non mi compare mai la scritta usa come per indicare la prima come area swap e la seconda ext3. Stessa cosa vale per il punto di mount, dove posso trovarli?

    • Ciao Simone! Scusa se ti rispondo solo adesso. Strano che si verifichi questo problema…

      Quali operazioni ti sono consentite? O comunque, potresti dirmi cosa ti compare al momento della creazione della partizione?

      Fammi sapere, ciao!

  • ciao Davide,ho seguito la guida e sono riuscito a installare ubuntu,ora il problema e che non si avvia parte sempre windows per primo,dove ho sbagliato? grazie in anticipo e complimenti per il tuo lavoro;)

    • Ciao Mario! Grazie mille per i complimenti! Quando accendi il computer, all’inizio dovrebbe comparire una schermata che ti permette di scegliere quale sistema operativo avviare. Nel tuo caso si avvia direttamente Windows senza nessuna possibilità di scelta? Fammi sapere, ciao!

      • Ciao Giainel. Non mi esimo dal farti i complimenti come tutti gli altri per il tuo tutorial. Sei davvero in gamba! Ho seguito la tua guida passo passo fino al momento dell’attivazione della modalità live di Ubuntu. Sono riuscita ad entrare nel Bios del mio Asus PRO5D1 e a stabilire la corretta priorità del Boot. Il problema è che parte sempre e comunque solo window 7. Ho provato a installare Ubuntu su pen drive…il problema è sempre lo stesso. Nel BIOS non mi viene data la possibilità di scegliere quale sistema operativo avviare. Come mi puoi aiutare? Grazie in anticipo

  • Davide ti aggiorno su come ho recuperato Windows 7 senza fare il restore.
    Ho fatto il boot del disco di ripristino Windows 7 (creato precedentemente con l’utility messa a disposizione da Windows), scelta la lingua e il punto di ripristino, poi sono andato in Command Prompt ed ho battuto i comandi: bootrec.exe /fixmbr e poi bootrec.exe /fixboot, che ha riscritto MBR facendolo puntare su Windows 7. Ovviamente ho perso il boot di Ubuntu che vorrei recuperare dopo aver capito come fare per far si che anche ACER mi dia la possibilità di avere un dual boot. Quando avrò un pò di tempo ci lavorerò e poi ti farò sapere.
    Ciao Pierfranco

  • Ciao, ottimo manuale per l’installazione di Ubuntu in dual boot con Windows 7, tutto OK come hai previsto nel manuale e sinceri complimenti per la chiarezza nell’esposizione, peccato che io ho un problema aggiuntivo creato dalla casa produttrice dell’HW (ACER) che nel MBR inserisce le informazioni per una partizione di recovery PQSERVICE da utilizzare nel caso in cui ci siano dei problemi con Windows. All’installazione di UBUNTU quando il grub genera il nuovo MBR con UBUNTU come prima scelta nel boot e Windows 7 come ultima scelta (almeno nel mio caso), sembra che tutto sia a posto, ma….mentre il boot di UBUNTU funziona benissimo, se scelgo di fare il boot di WINDOWS 7 mi appare il servizio di ACER che mi da 2 possibilità, o riportare il sistema come quando é stato acquistato (e perdo non solo UBUNTU ma anche tutti gli aggiornamenti di Windows compresi i dati) oppure tentare una recovery solo del sistema Windows.
    Sembrerebbe che il grub abbia preso il puntamento al PQSERVICE come il puntamento del sistema operativo Windows 7. Ho cercato un pò nel web perché il sintomo é abbastanza chiaro, ma non ho trovato come fare per modificare il boot in modo che venga caricato Windows 7 e non il servizio di ACER. Altri hanno avuto questo problema ma nessuna soluzione chiara.
    Tu hai mai avuto esperienza di questo tipo di problemi?
    Ti sarei grato se riuscissi ad aiutarmi, perché io sono in grado di tornare con il backup di ieri a Windows 7, ma vorrei avere anche UBUNTU in dual boot che mi permetta di accedere sia a Windows 7 che a UBUNTU.

    Ciao e Grazie Pierfranco

  • inanzitutto bellissima guida,complimenti ;
    ora io metto il dvd-r con ubuntu e riavvio il pc (aspire 5732z)e vado nel bios poi vado nella sezione boot ma come faccio a cambiare è ordine e a mettere il dvd al primo posto,ke devo usare,le frecce servono solo a cambiare sezione?aituto per favore

    • cmq ho fatto tutto:ho creto una seconda partizione ,ho masterrizato ubuntu su un dvd-r,mi manca pochissimo.
      NN per essere scortese potresti rispondermi in fretta.grz in anticipo

    • Ciao Dommy99Milan! Grazie mille per i complimenti! È un po’ difficile spiegare come configurare il bios di un computer non avendolo sotto mano il computer, comunque ci provo.

      Quando tu entri nel bios, ci dovrebbe essere una sezione chiamata “BOOT” o qualcosa di simile. Tu, seleziona questa voce spostandoti con le frecce direzionali.
      A questo punto, vedrai una serie di voci disposte in un certo ordine.
      Se con le freccette non riesci a cambiare l’ordine, vuol dire che molto probabilmente esistono dei tasti pre-configurati che ti permettono di spostare le voci in alto o in basso. Questi tasti pre-configurati dovrebbe essere scritti sempre nella sezione “BOOT”.

      Tu, con le freccette seleziona la voce che vuoi spostare e poi con il tasto pre-configurato spostala in alto, fino a farla andare in prima posizione.

      A questo punto, premi il tasto F10 della tastiera e premi su “OK” quando ti chiede se vuoi applicare le modifiche.

      Spero di essere riuscito a farmi capire il più possibile. Fammi sapere, ciao!

  • Installato come terzo os (Xp e 7 già presenti) su una partizione creata in precedenza.
    Seguito la guida passo passo e funziona perfettamente (specifico che uso un boot manager) ti ringrazio per la chiarezza con cui hai illustrato la procedura,inutile dire che il blog è finito nei preferiti 🙂
    Essendo approdato solo ora a Linux non ho ancora ben chiaro il funzionamento:
    L’area di swap e ridimensionabile come una normale partizione oppure una volta impostata ce la si deve tenere così com’è?
    Dispongo di 8 gb di ram,una buona scheda video e la distro è a 64 bit,per utilizzare programmi di una certa pesantezza 1gb di swap è sufficiente?

    • Ciao Marco! Scusa se ti rispondo solo adesso. Grazie a te per i complimenti!

      A dirti la verità, non ho mai provato a ridimensionare la partizione di swap, ma penso che la si possa trattare come qualsiasi altra partizione e quindi la puoi ridimensionare come preferisci.

      Avendo 8 GB di ram, 1 GB per la partizione di swap, anche se devi usare programmi pesanti, può bastare. Comunque, se vuoi chiarirti ogni dubbio, ti do il link alla pagina dedicata alla swap nel wiki di Ubuntu. Eccola: http://wiki.ubuntu-it.org/SwapFaq È fatta molto bene e spiega in dettaglio a che cosa serve, come scegliere la sua dimensione e fornisce altre informazioni utili.

      Ciao!

  • Ciao Davide, innanzitutto complimenti per la chiarezza delle guide…
    Io, però, ho un problema…
    Una volta creata l’area di swap, lo spazio libero creato in precedenza mi diventa “Inusabile”…quindi non posso creare la seconda partizione e installare correttamente ubuntu…
    Come posso risolvere questo problema, secondo te?

    Grazie.

    • Ciao Andrea! Molto probabilmente, il problema nasce dal fatto che è possibile creare un massimo di quattro partizioni primarie.
      Se il tuo hard disk aveva già tre partizioni primarie, aggiungendo quella per lo swap, non hai più la possibilità di crearne altre.

      Comunque, non è obbligatorio creare la partizione di swap, sopratutto se hai un computer 2GB di ram. Prova ad eliminare la partizione di swap e a creare solo quella per Ubuntu per vedere se ti fa andare avanti con l’installazione.

      Fammi sapere, ciao!

  • Io ho un problema. Una volta installato ubuntu clicco su “riavvia ora”; il pc si riavvia ma poi parte windows7 come se non avessi fatto niente. Semplicemente su “Gestione disco” si vedono le partizione create, ma Ubuntu non parte.

    • faccio presente k ho installato ubuntu tramite USB con unetbootin

      • Ciao Stokdam! A dire il vero, io non ho mai installato Ubuntu da chiavetta, quindi non saprei dirti se il problema è unetbootin o no. Comunque, se hai seguito i vari passi descritti nella guida, è strano che non compaia la schermata di scelta del sistema operativo. Ti consiglio di provare a porre la tua domanda sul forum ufficiale di Ubuntu dove ci sono persone molto competenti che senz’altro sapranno darti una mano. Ecco il link: http://forum.ubuntu-it.org/ Ciao!

  • ciao, scusa ma volevo sapere perchè dopo essere riuscito ad accendere il pc con linux vedo delle specie di striscie come delle interferenze!!

    • Ciao Samu! Il problema potrebbe essere legato alla scheda video oppure al monitor. Qual è il modello del tuo computer? Fammi sapere, ciao!

  • Ciao
    io ho eseguito correttamente le operazioni che hai descritto, molto dettagliatamente e in maniera chiara. ho installato ubuntu, tuttavia quando accendo il computer non mi chiede la scelta del sistema ma parte subito windows. devo ancora abilitare qualcosa?
    grazie
    Lorenzo

    • Ciao Lorenzo! No, teoricamente, se l’installazione è andata per il verso giusto, all’avvio del computer, ti dovrebbe comparire la schermata di boot che ti permette di scegliere quale sistema operativo avviare. Ti consiglio di provare a reinstallare Ubuntu per vedere se si ripresenta il problema. Ciao!

  • I complimenti sono davvero meritati per la chiarezza, per la velocità di supporto e per la gentilezza. Non capita spesso.
    Ne approfitto quindi ancora 😉
    Ho appurato che la partizione da 16 Gb è per il ripristino.
    Preferisco comunque installare Ubuntu come sistema operativo autonomo e non all’interno di windows. Ce l’ho già sul pc di casa e su un altro netbook che uso come muletto, anche se non sono un grande informatico.
    Un amico mi ha consigliato di eliminare la partizione dati da 183 Gb e creare una partizione estesa in cui poi inserire la partizione swap e quella per il file system e creando poi un’ultima partizione nfts per i dati.

    Ma mi chiedo: innanzitutto cos’è una partizione estesa e come si crea?

    E poi questo caso che tipo di partizione devo assegnare alla nuova partizione dati? Quella per il filesystem è primaria e arrivo a 4.

    Grazie mille ancora

    • Ciao Alberto! Troppo gentile! 🙂 Nel limite delle mie possibilità, cerco sempre di rispondere a tutti abbastanza velocemente. Purtroppo, non è sempre così e sono costretto a fare attendere qualche giorno.

      La soluzione che ti ha proposto il tuo amico, in effetti, non è male.
      Se riesci a farti una copia di quello che hai sulla partizione dati in modo tale da non perderli, allora la strada è percorribile.

      Una partizione estesa, è una partizione che non può contenere direttamente un file system, ma bisogna prima creare delle partizioni al suo interno. Queste partizioni, prendono il nome di partizioni logiche. La particolarità delle partizioni estese è che possono contenere al loro interno un infinito numero di partizioni primarie.

      L’idea che ti ha suggerito il tuo amico, se ho capito bene, è quella di eliminare la partizione dati (primaria) e di crearne un’altra (estesa) all’interno della quale ricreare la partizione dati, ma anche inserire la partizione da dedicare a Ubuntu e allo swap. Le puoi creare tutte come partizioni primarie in quanto farebbero parte della partizione estesa.

      Personalmente, non ho mai creato una partizione estesa, ma penso che la procedura sia simile a quella che ho descritto nella guida. In sostanza, dopo aver eliminato la partizione dati, verrà a crearsi dello spazio libero sull’hard disk che non è ancora allocato.

      Utilizzando questo spazio, dovrai creare la partizione logica. Penso che tu possa seguire le stesse istruzioni che ho scritto nel paragrafo “Come creare la partizione di swap per Ubuntu” presente nella guida. L’unica differenza è che la partizione non sarà primaria, ma estesa.
      La dimensione della partizione sarà quella lasciata libera dall’eliminazione della partizione dati. Le altre opzioni (come il tipo di File System, non dovrebbero essere configurabili).

      Dopo aver creato la partizione estesa, al suo interno puoi creare tutte le partizioni primarie che desideri. Per prima cosa, ti direi di ricreare la partizione dati (il file system da scegliere è “NTFS”). La partizione dati creala più più piccola rispetto a com’era prima. In questo modo, nella partizione estesa avrai ancora lo spazio necessario per la creazione della partizione da dedicare a Ubuntu e allo swap.

      Mi spiace non poter essere stato molto preciso, ma purtroppo, non avendone mai creata una, ti ho dovuto scrivere quello che penso accada a livello teorico.

      Ciao!

      • ciao, grazie di nuovo.
        ho seguito i tuoi suggerimenti e ce l’ho fatta. con gparted su chiavetta ho creato la partizione estesa e al suo interno ho creato la partizione swap, quella ext4 e quella ntfs, poi con l’installer di ubuntu ho assegnato il punto di mount e ho proseguito con l’installazione.
        ora partono pefettamente ambedue i sistemi.
        mi resta però un problema. la partizione ntfs è visibile da windows 7 ma non da ubuntu e questo è per me un problema. credo dipenda dal punto di mount che ho assegnato. l’installer mi chiedeva se assegnare dos o windows e io ho assegnato windows
        cosa devo fare’ gparted non mi permetteva di assegnare il punto di mount, ho dovuto farlo con l’installer
        secondo te devo ripetere l’installazione’ o c’è un modo più semplice per rendere visibile la partizione in questione
        prometto che poi non ti disturbo più
        ciao

        • Ciao Alberto! Sì, molto probabilmente il problema è dovuto al punto di mount assegnato. Ho provato a cercare in rete e a quanto pare oltre che scegliere fra dos e windows, puoi impostare un punto di mount personalizzato. Se inserisci come punto di mount “/mnt/dati”, teoricamente dovrebbe comparirti sul desktop.

          Non ho mai provato questo procedimento, quindi non ti so dire se effettivamente funzioni. Dovresti provare.

          Altrimenti, potresti provare a ricreare la partizione dati direttamente da Windows sfruttando il tool di gestione delle partizioni dell’hard disk.

          Fammi sapere se riesci a risolvere, ciao!

    • ciao scusa il ritardo ma le vacanze di natale erano finite e il tempo a disposizione pure.
      Alla fine ce l’ho fatta (in gran parte per merito tuo)
      comunque ho installato ntfs-config e con questo sono riuscito a montare la partizione dati inserendo il codice numerico e seguendo lo stesso percorso che avevo trovato per la partizione su cui è montato windows. in definitiva non so bene neanch’io cosa ho fatto ma adesso tutto fila alla perfezione a parte il fatto che all’avvio di ubuntu un avviso mi dice che c’è una partizione introvabile (probabilmente ho lasciato un indirizzo nei vari tentativi che poi non ho più cancellato. Comunque poi gira tutto come volevo io. Non sono un esteta e quindi mi va benissimo così. Grzie ancora. Ora vado a votare il tuo blog su wikio ciao e grazie

      • Ciao Alberto! No, direi che il merito è tutto tuo! 🙂 Sinceramente, non conoscevo ntfs-config e sono contento che tu sia riuscito a trovare una soluzione per il problema. Per quanto riguarda la partizione introvabile, purtroppo, non so quale possa essere il problema.
        Grazie a te per il voto e complimenti per aver trovato la soluzione al tuo problema. Ciao!

  • ciao, complimenti per la guida (ce ne fossero di più …)
    Ho però un problema: ho seguito le istruzioni per liberare spazio per ubuntu dalla partizione C: del mio netbook che monta Windows7 con lo sturmento gestione disco e adesso ho 35Gb di spazio non allocato (così me lo riconosce windows). Quando avvio l’installazione da chiavetta (uso unetbootin) e scelgo l’opzione partizione manuale i suddetti 35 Gb vengono però definiti “inusabili” dal programam di installazione di ubuntu. Ho pensato di formattare questo spazio da windows come nfts e poi procedere alla ridefinizione durante l’installazione ma mi sono fermato perchè all’ultimo passaggio il programma dice che la trasformazione in volume dinamico (?) impedirà il boot di altri sistemi operativi.
    mi puoi dare una dritta?
    Grazie in anticipo

    • Ciao scusa, ma ho letto solo ora i post di marco e luca che precedono il mio. Probabilmente il mio problema è identico: il disco (ho un netbook asus eeepc) è già partizionato in 4 settori (e dopo il mio intervento adesso sono 5)
      C: 65 Gb
      non allocata 35 Gb creata da me
      D: 183 Gb
      un altro spazio da 16 Gb
      un altro spazio da 16 Mb
      e sono tutte partizioni primarie tranne la mia

      Non voglio rinunciare a ubuntu e non vorrei rinunciare allo spazio D: per i dati (visibile da ambedue i sistemi). Di fare il recovery di windows mi importa poco (posso fare un’immagine oppure effettuarlo su un disco esterno), ma come faccio a capire a cosa è destinata la partizione da 16 giga? Non potrebbe essere una predisposizione per qualche altro sistema operativo windows? E poi come faccio a cancellare una partizione?
      Grazie in anticipo

      • Altre due precisazioni
        lo spazio da 16 Gb risulta vuoto e non è indicato il volume
        lo spazio da 16 Mb è definito EFI, non ha volume e da una ricerca su google sembra essere destinato al boot booster e comunque è così piccolo che non mi interessa modificarlo

        • Ciao Alberto! Grazie mille per i complimenti!

          Come hai correttamente scritto, il problema è dovuto al limite fissato a 4 del numero di partizioni primarie in cui è possibile suddividere l’hard disk.

          La partizione EFI serve al bios della scheda madre per poter rendere l’avvio del computer più veloce.

          La partizione da 16 GB, invece, dovrebbe essere quella dedicata al ripristino del sistema. Dal gestore del disco di Windows risulta vuota e penso che tu non riesca nemmeno a vederla andando in “Start”, “Computer”, ovvero il vecchio “Risorse del Computer” di Windows XP.
          In realtà, se è come per il mio portatile, quella partizione ha dei file al suo interno, che servono appunto al ripristino del computer.

          Se non ti serve, potresti cancellarla, così da poter avere a disposizione una partizione primaria da dedicare a Ubuntu. Purtroppo, non so dirti con certezza se quella sia effettivamente la partizione per ripristinare il sistema.

          Altrimenti, se non vuoi rischiare, puoi installare Ubuntu come se fosse un programma per Windows. Leggi questa mia guida se ti interessa: http://giainelsecrets.com/2011/10/come-installare-ubuntu-linux-direttamente-da-windows-come-un-normale-programma/

          Per i “puristi”, è una cosa da non fare. Però, per iniziare, va più che bene. Si possono fare le stesse cose che si farebbero con un’installazione normale.

          Ciao!

  • Ciao Davide, innanzitutto complimenti per la guida, è davvero chiara e facile da seguire. Io però ho lo stesso problema di Marco, ossia nel mio computer sono già presenti diverse partizioni, e mi chiedevo se ci fosse un modo per ridurrne il numero. Ad esempio è possibile salvare i dati di una partizione all’interno della partizione C e poi cancellarla? rischio di fare dei grossi danni? Grazie

    • Ciao Luca! Grazie mille per i complimenti! Sì, è possibile ridurre il numero di partizioni primarie presenti nel proprio hard disk.
      Come hai scritto correttamente, l’unico modo per ridurle, è quello di eliminarne una. Ad esempio, se pensi di non dover mai usare la partizione di ripristino, in linea generale puoi eliminarla tranquillamente. Quando dovrai “sistemare” il PC, potrai farlo con una normale formattazione dell’hard disk.
      Diciamo che questa partizione è stata creata per evitare di creare dei dischi di ripristino da vendere insieme al PC, diminuendo così i costi di produzione.

      I dati della partizione D, se non contengono tool per il ripristino, teoricamente puoi copiarli in C senza problemi e poi eliminare la partizione D.

      Tutto poi ovviamente, dipende da ciò che contengono le varie partizione.

      Le uniche che non devi mai toccare sono C che contiene il sistema operativo e una partizione da circa un centinaio di mega, che ha un nome che ha a che fare con “System” che contiene i file di avvio necessari per Windows.

      Ciao!

  • Ciao Davide, ho seguito la tua guida senza problemi (peraltro molto chiara) finchè non ho partizionato il disco C:…
    dopo infatti, oltre al disco non allocato da 12 gb, me ne sono comparsi altri due!!!
    e quando ho provato a installare ubuntu 11.10 (una volta arrivato alla scelta della partizione) il disco da 12 gb si chiamava “inusabile”. Cosa posso fare????
    qui sotto puoi trovare il link dello screenshot:
    http://tinypic.com/view.php?pic=iqzhnd&s=5

    • Ciao Marco! Ti ringrazio per i complimenti.

      Dallo screenshot che mi hai linkato, penso di aver capito perché non puoi usare lo spazio da 12 GB che hai ricavato dal disco locale C per installare Ubuntu.
      Il problema è che l’hard disk non può avere più di quattro partizioni primarie e tu hai già raggiunto quel limite.
      Infatti, ci sono:

      1) La partizione da 10.74 GB che da quello che leggo dovrebbe servire per la configurazione EISA ce serve per poter ripristinare il computer allo stato di fabbrica.
      2) La partizione da 3.26 GB che anch’essa serve per la configurazione di qualche servizio.
      3) La partizione C che è quella che contiene il sistema operativo.
      4) La partizione D che è la classica partizione dati.

      Purtroppo, per via di questo limite, non puoi usare lo spazio libero per creare una nuova partizione. Mi spiace, ciao!

  • Ciao Davide, complimenti per le guide, molto utili!
    Ho appena installato Ubuntu 11.04 in dual boot con Windows Xp, ma sto riscontrando un problema. All’avvio infatti non compare la schermata per selezionare il sistema operativo, ma il messaggio ”impossibile visualizzare questo modo video. Impostare video su 1280×1024 60hz”
    Il problema è che ho controllato e la mia risoluzione è proprio quella. Ho provato a modificarla anche con il programma ”StartUp-Manager” ma niente da fare, mi avvia automaticamente Ubuntu. Necessito di urgente aiuto dato che mia madre sa usare solo Xp e per niente Ubuntu!!!!
    Grazie in anticipo!

    • Ciao Filippo! Grazie mille per i complimenti! Una domanda: Quindi, anche se hai problemi all’inizio nel vedere la schermata di selezione del sistema operativo, poi, riesci ad utilizzare correttamente Ubuntu? Fammi sapere, ciao!

      • No, dato che adesso ho messo in default windows xp. Riesco a riutilizzare Ubuntu solo se lo faccio partire come Live e lo riseleziono come sistema di default. Se provo a fare la stessa operazione da Xp non compare come sistema operativo nella lista, anche se ho controllato che la partizione creata esiste! Il problema è solo quello di non riuscire a selezionarlo nella schermata iniziale di accensione, dato che proprio non compare come scelta.

        • Ciao Filippo! Guarda, è meglio che provi a chiedere sul forum ufficiale di Ubuntu (http://forum.ubuntu-it.org/) dove sicuramente qualcuno più esperto di me sarà in grado di aiutarti. Mi spiace non poterti essere d’aiuto, ciao!

  • Davide, ma te non ci vai in ferie? Te lo dico perchè sarebbero più che meritate! M’hai tolto dal casino che avevo combinato! Eccomi qua dal mio pc. Ho fatto come hai scritto; la partizione HP_TOOLS in flags aveva la spunta anche su “lba”; l’ho lasciata. All’avvio mi ha fatto un casino di aggiornamenti (15mila e rotti) e lì ho temuto un ripristino a zero; invece ecco il mio desktop. Non so come ringraziarti; anche per l’esperienza di “aggeggiare” col sistema.
    Resta da decidere se cancellare la partizione, ma a questo punto non dovrebbe essere un problema ripristinarla e rimetterci i dati che ho copiato. Ci penserò ancora un po’ su.
    Intanto buona notte!

    • Ciao Dan! Beh, io sono già stato in ferie le ultime due settimane di Luglio (Peccato per l’ultima settimana di pioggia :(). Ora, non andando all’università, ho più tempo da dedicare al Blog e anche se non sto scrivendo nuovi post, diciamo che “sono presente” cercando di aiutare che lascia un commento.
      Per quanto riguarda la tua situazione, sono contento che tu ce l’abbia fatta a risolvere il problema! 🙂 Come dici tu, teoricamente, non ci dovrebbero essere problemi con l’eliminazione della partizione HP_TOOLS. Buona fortuna e buona serata, ciao! 🙂

  • mi è uscito un problemuccio…quando tento di avviare ubuntu mi dice “C’è un problema con il server di configurazione. (/usr/lib/libgconf2-4/gconf-sanity-check-2 è uscito con stato 256)”
    l’ho copiato giusto credo ^^

    • Ciao lacosasuper! Ho letto sul forum ufficiale di Ubuntu che hai già risolto il problema reinstallando Ubuntu. Meglio così, ciao! 🙂

  • AIUTOOOOOO!
    Davide, ti sto scrivendo dal net-book perchè l’altro pc, quello su cui vorrei installare Ubuntu non si avvia.
    Ieri, dato che non riuscivo a copiare il contenuto della partizione HP_TOOLS (la quarta, vedi messaggio di ieri), ho visto che tra le opzioni c’era anche quella di renderla attiva. Questa opzione chiedeva quale lettera assegnarle; ho lasciato “F” (lettera proposta). Così ho potuto copiarne il contenuto, ma non sono riuscita a tornare alla configurazione di partenza, cioè a rendere di nuovo la partizione “non attiva”. Non me ne sono preoccupata più di tanto perchè tutto sembrava come prima. Invece della differenza me ne sono accorta poco fa quando ho tentato di accendere il pc. Subito dopo il tasto dell’accensione appare prima la solita scritta HP al centro e in basso “Press ESC key for start up menu” e subito dopo, in “dos”:
    “Rimuovere supporti. Premere un tasto per riavviare”. Con qualunque tasto, compreso ESC, la scritta successiva è ” No bootable device — insert boot disk and press any key”.
    Inutile dirti che non ho ancora fatto un cd di ripristino (come tua allieva, già mi considero bocciata con disonore).
    L’unica cosa buona è che avevo impostato il boot prima da cd (per Ubuntu) e poi da C:, così è possibile partire solo con Linux (quando trova il cd inserito), ma non ho proprio idea di come fare a rimettere la partizione come prima, cosa che sembra indispensabile per avviare windows.
    Spero che tu legga questo messaggio prima o poi e che possa suggerirmi qualcosa. Intanto vedo anch’io se riesco a trovare un cd per partire con windows (magari la prossima settimana quando torno al lavoro).
    Grazie per la disponibilità.
    Ciao!

    • Ciao Dan! Bentornata dalle vacanze! Spero di riuscire a farti risolvere il problema così che tu possa goderti al massimo gli ultimi giorni di ferie! 🙂

      Il problema che mi hai descritto nasce dal fatto che quando si imposta una partzione come “attiva”, vuol dire che quella sarà la partizione attraverso il quale avverrà il boot, ovvero l’avvio del sistema. Impostando come “attiva” la partizione HP_TOOLS, il sistema non riesce a trovare i file di avvio e quindi il sistema operativo non viene caricato.

      Per cercare di risolvere il tuo problema, mi è venuta in mente un’idea, che non ho mai messo in pratica, ma che, in linea teorica, dovrebbe funzionare.
      Ora te la spiego.

      Per prima cosa, imposta l’avvio del computer da CD. Fatto questo, inserisci il CD di Ubuntu. Attendi che il CD venga rilevato e che la schermata di configurazione di Ubuntu si avvii. La mia idea è quella di sfruttare la modalità live di Ubuntu. Se non ricordi i vari passaggi, puoi leggere la mia guida qui: http://giainelsecrets.com/2011/04/come-avviare-ubuntu-in-modalita-live-cd/

      Quando Ubuntu si è avviato in modalità Live CD, clicca su “System”, “Administration” ed infine su “GParted Partition Editor”. Come puoi vedere da questo screenshot: http://imageshack.us/f/191/partizioni.png/ ti appariranno tutte le partizioni presenti nel tuo hard disk. La mia prima partzione (dev/sda1) che è quella riservata per il sistema, ha nel campo “Flags” la scritta “boot”. Molto probabilmente, nel tuo caso, la scritta “boot” dovrebbe essere in riferimento alla partizione “HP_TOOLS”.

      Quindi, penso che togliendo il flag “boot” dalla partizione HP_TOOLS e applicandolo alla partizione riservata al sistema, il problema dovrebbe risolversi.
      Per fare questo, clicca con il tasto destro del mouse sulla partizione che ha il flag “boot” e poi clicca su “Manage Flags”. Togli la spunta da “boot”, attendi qualche secondo e poi clicca su “Close”. Ora, ripeti le stesse operazioni sulla partizione riservata per il sistema con l’unica differenza che questa volta metti (e non togli) la spunta su “boot”.
      Quando hai terminato le modifiche, chiudi tutto.

      Ora, riavvia il computer, configura l’avvio da hard disk e non più da CD e vedi se il problema è scomparso oppure è ancora presente.

      Fammi sapere. Spero che il procedimento funzioni, ciao! 😉

  • ciao
    io dopo aver installato ubuntu ho cliccato su “Riavvia ora“ sie avviato l windows seven direttamente
    potete aiutarmii?

    • Ciao Niko! In fase di avvio del computer, non viene visualizzata una schermata che ti permette di scegliere se avviare Windows 7 o Ubuntu? Fammi sapere, ciao!

      • niko 26 luglio 2011 alle 01:42
        ciao
        io dopo aver installato ubuntu ho cliccato su “Riavvia ora“ sie avviato l windows seven direttamente
        potete aiutarmii?

        Risponde

        Giainel 27 luglio 2011 alle 14:03
        Ciao Niko! In fase di avvio del computer, non viene visualizzata una schermata che ti permette di scegliere se avviare Windows 7 o Ubuntu? Fammi sapere, ciao!

        Io:
        Ciao Giainel! allora a me spunta solo per il win 7 che poi parte da solo. Ti spiego… ho creato 2 partizioni in cui in una ho messo il win 7 e nell altra ubuntu! quando avvio il pc spunta solo win 7 e si avvia normalmente. voglio usare ubuntu ma lo posso fare solo live!non so che fare aiutami perke mi serve ubuntu per studiare! a presto Salvatore S

  • ottime le tue guide
    io ho un problema un po diverso , ho un acer su cui ho installato in dualboot seven e xp.
    adesso vorrei fare un bel formattone e installare in dual boot seven e ubuntu.
    ma non ho idea da che parte cominciare ,aspetto un aiuto.
    ciao

    • Ciao Ivan! Grazie mille per i complimenti! Per mettere in pratica quello che hai intenzione di fare, devi prima installare Windows 7. Poi, fatto questo, puoi creare una partizione dedicata ad Ubuntu seguendo questa mia guida: http://giainelsecrets.com/2011/04/come-creare-una-partizione-nellhard-disk-per-installare-ubuntu-in-dual-boot-con-windows-7-e-vista/
      Una volta creata la partizione, puoi o cominciare a testare Ubuntu senza installarlo fisicamente, seguendo questa guida: http://giainelsecrets.com/2011/04/come-avviare-ubuntu-in-modalita-live-cd/
      oppure installare fisicamente Ubuntu seguendo questa guida: http://giainelsecrets.com/2011/04/come-installare-ubuntu-linux-in-dual-boot-con-windows-7-windows-vista-o-windows-xp/ Ciao! 😉

    • ciao , ho un piccolo problema ,il mio HD di 500 gb è diviso in due
      c:\windows xp
      d:\seven
      cosa faccio ,lascio cosi’ ,elimino solo xp , o formatto tutto c e d e reinstallo ?

      • Ciao Ivan! Purtroppo, non ho mai provato ad avere tre sistemi operativi contemporaneamente sullo stesso hard disk e quindi non ho l’esperienza diretta per consigliarti cosa fare.
        A logica, penso che però potresti creare una terza partizione nell’hard disk (lo spazio lo ricavi riducendo la dimensione della partizione di Windows XP) e installare Ubuntu. A questo punto il GRUB di Linux dovrebbe creare due voci: una per avviare Linux e una generale per Windows. Quando clicchi su quella per Windows, ti dovrebbe permettere di scegliere se avviare Windows XP o Windows 7.
        Questo, è quello che penso io. Poi, non so se effettivamente sia proprio così.

        Un’altra possibilità consiste nel fatto che puoi eliminare solamente la partizione che contiene Windows XP o Windows 7 e poi installare Ubuntu. In questo modo, non dovresti avere nessun tipo di problema.

        In alternativa, se vuoi tenere i tre sistemi operativi, oltre alla procedura che ti ho descritto precedentemente, ho trovato questa guida testata da chi l’ha scritta e fatta molto bene: http://pcshark.forumfree.it/?t=36914483 Dovresti però formattare tutto e reinstallare i vari sistemi operativi nell’ordine descritto dalla guida.

        Ciao!

  • La guida è davvero ben fatta e si segue passo per passo.
    Ho riscontrato solo un errore (almeno a me) nella formattazione della partizione per il file system, con ex3 non faceva mettere / ne andare avanti o provato con ex4 e tutto ok.
    Grazie comunque bel lavoro

    • Ciao Marco! Grazie mille per i complimenti e per la tua segnalazione, che potrà essere utile a chi avrà un problema simile al tuo. Io, avevo usato la partizione con file system EXT3 e non avevo avuto problemi, ma anche la EXT4 va bene. Ciao!

  • Ciao
    a fine installazione di ubuntu 11.04 nella partizione non allocata di Windows 7 Pro mi dice che è IMPOSSIBILE INSTALLARE GRUB. SCEGLIERE UN’ALTRA PARTIZIONE PER CONTINUARE. cosa ho sbagliato?

    • Ciao Andrea! Scusa se ti rispondo solo adesso. Ho fatto delle ricerche, ma purtroppo non sono in grado di dirti quale potrebbe essere il problema. Le mie conoscenze riguardo Ubuntu e Linux in generale non sono tali, da poterti essere realmente di aiuto. Ti consiglio di chiedere sul forum di Ubuntu, dove sicuramente troverai persone più esperte di me: http://forum.ubuntu-it.org/ Ciao!

  • Caro Davide, oggi ho provato a installare ubuntu. La versione che avevo scaricato è la 11.04. Forse per questo non mi sono ritrovata con le tue istruzioni.
    La partizione di 12 giga (non allocata) che avevo creato era la quinta! Avrà influito anche questo?
    Comunque sia, quando mi sono trovata sul pannello ALLOCAZIONE SPAZIO ho trovato su una riga l’elenco delle partizioni:
    sda1(ntfs)208,7MB; sda2(ntfs)469,0GB; spazio libero 12,9GB; sda3(ntfs)17,9GB; sda4(fat32)108,0MB.
    segue tabella:
    Device Tipo Dimensioni
    /dev/sda
    /dev/sda1 ntfs 208 MB
    /dev/sda2 ntfs 469004 MB
    inusabile 12884 MB
    /dev/sda3 ntfs 17899 MB
    /dev/sda4 fat32 108 MB
    tasti:
    Nuova tabella partiz.
    Aggiungi
    Modifica
    Elimina
    Ripristina

    con la riga “inusabile” evidenziata, sia col destro, che i tasti in basso, l’unica possibilità data è ripristina. Non c’è verso di avere aggiungi.
    Ho salvato la videata.
    Spero tu possa consigliarmi su cosa fare.
    ciao!
    dan

    • Ciao Dan io sto avendo lo stesso problema che hai avuto tu… Come lo hai risolto?? Ho solo libera la partizione non usabile e non riesco a installarci sopra Ubuntu 🙁 Come hai risolto tu?? Giainel HELP!! 🙁

      • Ciao Cris! Prova a seguire i consigli che ho dato a Dan e vedi se riesci a risolvere il problema. Fammi sapere, ciao!

    • Ciao Dan! Scusa davvero tanto se ti rispondo solo adesso, ma non avevo letto il tuo commento! 🙁

      Per quanto riguarda il tuo problema, ti posso dire che molto probabilmente è dovuto al fatto che hai già 4 partizioni primarie e oltre questo limite non si può andare. La partizione dedicata ad Ubuntu sarebbe la quinta primaria ed è per il limite a cui ti ho accennato che non riesci ad installarlo.
      Penso che se tu elimini una delle quattro partizioni già esistenti, dovresti essere in grado di risolvere il tuo problema. Ovviamente, prima di eliminarla, dovresti fare una copia dei dati in essa contenuti. Penso che sda1 sia quella dove è installato Windows, ovvero (C:). sda2 dovrebbe essere la partizione dati (D:). sda3 non so bene cosa possa essere, magari un’altra partizione dati. Infine, sda4 potrebbe essere una partizione che permette il ripristino del sistema allo stato di fabbrica.

      Per eliminare una partizione, potresti utilizzare lo strumento di Windows con il quale hai creato lo spazio nell’hard disk seguendo questa mia guida: http://giainelsecrets.com/2011/04/come-creare-una-partizione-nellhard-disk-per-installare-ubuntu-in-dual-boot-con-windows-7-e-vista/
      Clicchi con il tasto destro del mouse sulla partizione che vuoi eliminare e poi clicchi su “Elimina volume”.

      A questo punto, la partizione è stata eliminata, ma lo spazio che le era stato assegnato non è utilizzabile. Lo devi assegnare ad una delle partizione già esistenti.
      Per farlo, clicchi con il tasto destro del mouse sulla partizione che vuoi ingrandire e poi clicchi su “Estendi volume…”.
      Nella nuova schermata che ti si aprirà, vedrai che sulla destra c’è un riquadro chiamato “Selezionati:”. Lì, dovrebbe esserci una voce chiamata ad esempio “Disco”, che dovrebbe avere la dimensione della partizione che hai precedentemente cancellato. Cliccaci sopra una volta con il tasto sinistro del mouse in modo tale da evidenziarla. Fatto questo, clicca su “Avanti” e, nella successiva schermata, clicca su “Fine”.

      A memoria, mi sembra che il computer dovrebbe riavviarsi da solo. Se non dovesse farlo, riavvialo tu manualmente.

      Dopo tutte queste operazioni, prova ad effettuare di nuovo l’installazione di Ubuntu.

      Fammi sapere se facendo così, riesci a risolvere il problema. Scusa ancora per il ritardo della mia risposta. Ciao!

      • Grazie Davide, preziosissime informazioni che leggo solo ora (tornata dalle ferie) e che penso di mettere in pratica prossimamente. Ti farò sapere, perchè con Ubuntu non intendo mollare.
        La quarta partizione si chiama HP_TOOLS, 100 mega circa di cui solo 7,5 occupati, ma non riesco a vedere il contenuto, perchè in esplora risorse/computer vedo solo i dischi “C” e “D” (non vedo neanche la partizione di Recovery “SYSTEM”). Immagino che contenga un programma di utilità HP per la gestione del pc, che aveva anche l’altro computer HP che ho sostituito con questo. Non sembra possibile neanche fare il backup perchè dice che il disco è disconnesso. Devo solo decidere se cancellare il contenuto. Insomma, ci penso sù.
        Grazie di nuovo, sei davvero una fonte di informazioni preziosa.
        ciao
        dan

        • Ho lo stesso problema, probabilmente lo stesso PC e le stesse 4 partizioni…
          Sono indeciso su quale partizione eliminare, ho i 3 dischi di ripristino pertanto annoso dubbio… Elimino RECOVERY o elimino HP_TOOLS ?
          Cosa c’è e a cosa serve HP_TOOLS? Chissà chi me lo può dire!
          Grazie e complimenti per tuttto quello che fate per tutti!!!

        • Ciao Marco! Ti ringrazio per i complimenti. Se hai i DVD di ripristino la partizione RECOVERY la puoi anche eliminare. Infatti. quella partizione server per ripristinare il computer allo stato di fabbrica (di solito con un’apposita combinazione di tasti). Per quanto riguarda la partizioen HP_TOOLS, sul sito HP c’è scritto questo:

          HP Tools is HP web solution that offers a tailored content of advanced configuration services specifically to HP corporate customers and channel partners.

          HP tools provides you a current, single access point into HP’s configuration services 24 hours a day, 7 days a week
          You do not have to place a call, all the information you need is only a few clicks away
          You are connected to HP supply chain directly, you work faster with HP
          Content in HP tools is confidential and customized to your business and personal needs

          che in italiano significa più o meno:

          HP tools è la soluzione Web HP che offre contenuti su misura riguardo la configurazione avanzata di servizi in particolare per clienti aziendali e canali partners.
          HP tools ti fornisce un unico punto d’accesso alla configurazione dei servizi HP 24 ore su 24, 7 giorni a settimana.
          Non hai bisogno di chiamare, tutte le informazioni che ti servono sono raggiungibili on pochi click.
          Sei connesso direttamente all’azienda HP, lavori più velocemente con HP.
          Il contenuto di HP tools è riservato e personalizzato in base alle esigenze aziendali e personali.

          Ciao!

  • Ciao Davide, al Forum di Ubuntu sono riusciti a rimettere a posto tutto! Adesso posso installare qualsiasi aggiornamento, infatti ho seguito i tuoi consigli e adesso sono entrato dal “generic-pae”!
    Beh che dire, Ubuntu mi piace sempre più, sto iniziando a fare un pensiero sul togliere la partizione, resettare tutto e tenere solo Ubuntu, Win 7 non mi ricordo neanche come sia!
    Grazie ancora di tutto! Alla prossima! 😉

    Ciao, Ivano!

    • Ciao Ivano! Bene, sono contento che tu ce l’abbia fatta! 🙂 I ragazzi del forum di Ubuntu sono davvero in gamba!
      Allora, ti auguro di divertirti sempre più con Ubuntu, ciao! 😉

  • Grazie dell’informazione, se tu non mi avessi detto dove cercare non credo che ci sarei arrivata.
    Dunque, ho visto la mia connessione di Alice e gli ho dato la password WPA (me la sono anche salvata su C: con un doc Ubuntu così la prossima volta copio e incollo.
    Così la connessione c’è, ma a quanto pare devo ancora creare l’utente, praticamente AliceAdsl (pw aliceadsl); insomma la stessa cosa che ho fatto su questo pc (e mi ci sono anche impappinata perchè non mi sembra così scontato). Questo perchè dopo la semplice connessione, il browser non la vede.
    Riassumo: dovrei trovare il modo di creare un utente adsl da agganciare alla connessione di Alice (quella di cui ho la WPA). Spero tanto che tu riesca a capire quello che ho scritto perchè non sono sicura di capirlo io stessa.
    Ciao e grazie di nuovo!
    dan

    • Ciao Dan! Da quello che mi hai scritto, penso di aver capito in via generale la tua situazione. Anch’io, come te, ho un nome utente e password associati alla mia linea (oltre alla password del wifi). La differenza sta che nel router che utilizzo io (non è quello di Alice), ho specificato nome utente e password direttamente nelle sue configurazioni.
      In questo modo, quando mi connetto in wifi, devo solo specificare la password di rete.

      Tu, mi hai scritto che “dopo la semplice connessione, il browser non la vede.” Intendi che con Ubuntu sei connessa, ma non riesci a navigare?

      Per cercare di poterti essere maggiormente di aiuto, potresti indicarmi il modello del tuo router? In questo modo, potrei fare delle ricerche più mirate. Grazie.

      Fammi sapere, ciao!

      • Davide, mi fa piacere vedere la tua disponibilità, comunque vada, sappi che ho già imparato molto grazie al tuo blog. Hai trovato un bel modo di usare la rete. Bravo!
        Il router di Alice è quello della telecom del 2006 e si presenta così:
        MODEM ADSL ALICE GATE W2+
        niente sulle etichette, a parte il “made in china”
        c’è anche un cd di installazione, che non installa più nulla, credo per via del sistema operativo a 64 bit.
        Se ti viene in mente qualcosa, fammi sapere, ma non vorrei farti perdere tempo.
        Grazie ancora!
        dan

        • Ciao Dan, grazie mille per i complimenti! 🙂

          Andando sulla pagina ufficiale di Telecom, ho visto che come dicevi tu, il tuo router richiede una connessione di tipo PPPOE, che in parole povere ti permette di accedere al linea solamente inserendo nome utente e password.

          Per effettuare questi passaggi su Ubuntu, devi procedere in questo modo:

          Per prima cosa, ti connetti alle rete wireless, inserendo la chiave di accesso (quella che hai salvato nel file doc). A questo punto, apri il terminale andando in “Applicazioni”, “Accessori”, “Terminale.
          Dopo averlo aperto digita questo comando: “sudo pppoeconf” (senza virgolette). A questo punto, dovrebbe partire una procedura che ti permette di configurare la tua rete, permettendoti di inserire nome utente e password come fai su Windows. Fatti questi passaggi, dovresti essere in grado di connetterti e navigare.

          Fammi sapere! Ciao e Buon Weekend! 🙂

  • Ciao, ti copio quello che mi dice.
    Questo mentre cercavo di installare aMsn:
    installArchives() failed: Selezionato il pacchetto tcl8.5.
    (Lettura del database…
    (Lettura del database… 5%
    (Lettura del database… 10%
    (Lettura del database… 15%
    (Lettura del database… 20%
    (Lettura del database… 25%
    (Lettura del database… 30%
    (Lettura del database… 35%
    (Lettura del database… 40%
    (Lettura del database… 45%
    (Lettura del database… 50%
    (Lettura del database… 55%
    (Lettura del database… 60%
    (Lettura del database… 65%dpkg: errore fatale non recuperabile, uscita:
    reading files list for package ‘gtk2-engines-pixbuf’: Errore di input/output

    E questo mentre reinstallavo i pacchetti che mi hai detto:

    (Lettura del database… 65%dpkg: errore fatale non recuperabile, uscita:
    reading files list for package ‘gtk2-engines-pixbuf’: Errore di input/output
    E: Sub-process /usr/bin/dpkg returned an error code (2)
    Installazione di un pacchetto non riuscita. Tentativo di ripristino:

    Ciao! 😀

    • Ciao Ivano, scusa se ti rispondo solo adesso. Non l’ho fatto subito perché volevo vedere se riuscivo a trovare una possibile soluzione. Purtroppo, però, le varie ricerche hanno dato esito negativo…

      Le mie conoscenze nel mondo Linux sono ancora molto basse e l’unico consiglio che ti posso dare, è quello di postare il tuo problema (proprio come hai fatto con il tuo ultimo commento) sul forum ufficiale di Ubuntu (http://forum.ubuntu-it.org/). Lì, troverai sicuramente qualcuno che sia in grado di aiutarti.
      Qui: http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,407455.0.html ad esempio, un utente aveva postato un problema simile al tuo e alla fine, è riuscito a risolverlo.

      Mi spiace non poterti essere stato d’aiuto. Spero davvero che riuscirai a trovare una soluzione. Ciao!

    • Ciao Davideeeeeeee!!!!! ti sto scrivendo da Ubuntu.
      GRANDE!

      vedrai che tra un po’ dovrò chiederti qualcos’altro. Per ora cerco di ambientarmi.
      Grazie ancora.
      dan

      • Ciao Dan! Bene, sono contento che tu ce l’abbia fatta! Se dovessi avere delle nuove domande, chiedi pure! Se sarò in grado di aiutarti, lo farà volentieri! Ciao! 🙂

  • Allora Davide, l’altro giorno ho provato Ubuntu, giusto un giro come dici tu.
    nessun problema, se non che non ho idea di come impostare la connessione internet. Hai qualche suggerimento? Io ho alice adsl. Per connettermi al modem wifi, con windows 7 (come per windows xp sull’altro computer) ho dovuto digitare la chiave WPA; successivamente ho creato anche l’utente e l’ho collegato alla connessione adsl. Con Ubuntu non sono riuscita a capire come vedere le connessioni.
    Grazie comunque. Mi sei già stato molto di aiuto.
    dan

    • Ciao Dan! Anch’io ho Alice e la prima volta, per connettermi alla rete Wifi, ho selezionato la mia connessione, ho inserito la password di rete e mi sono connesso.

      Per vedere tutte le connessioni, devi cliccare sull’icona del wifi, che dovrebbe essere sulla barra degli strumenti, in alto a destra. Cliccando su di essa, ti compariranno tutte le connessioni wireless disponibili.
      Scegli quella a cui vuoi connetterti, cliccandoci sopra una volta. Fatto questo, ti comparirà una finestra che ti chiede di inserire la password. Inseriscila e dai l’ok. Dopo qualche secondo, il computer dovrebbe connettersi alla rete wifi da te scelta. Fammi sapere se così facendo risolvi, ciao! 😉

  • Ciao Davide, ho intenzione di leggere tutto quello che hai scritto fin dall’inizio.
    Prima di cominciare ad applicarlo vorrei sapere se ci sono controindicazioni sul portatile (HP G62-B27SL), con sistema operativo Windows 7 HOME PREMIUM A 64 BIT che sembra avere problemi di compatibilità con tanti vecchi programmi a cui sono affezionata.
    Grazie per i tuoi articoli che sono utilissimi.

    • Ciao Dan! Grazie mille per i complimenti, sono contento che i miei articoli siano di tuo interesse! 🙂

      Per quanto riguarda la tua domanda, ho provato a fare qualche ricerca in merito al tuo portatile.

      Sul sito HP, non ci sono driver compatibili con Ubuntu, ma questo potrebbe anche non essere un ostacolo. Infatti, molte volte, vengono realizzati da persone che lo fanno per semplice passione e condividono il frutto del loro lavoro con tutta la comunità. È proprio questa la bellezza dello spirito dell’open source. Ognuno può dare un contributo! 🙂

      Per evitare di ricevere brutte sorprese, prima di procedere con l’installazione vera e propria del sistema operativo, puoi avviare Ubuntu in modalità live (quindi senza installarlo fisicamente sull’hard disk) e cominciare ad utilizzarlo in quel modo per vedere se riscontri dei problemi nell’uso quotidiano. A questo proposito, puoi leggere questa mia guida: http://giainelsecrets.com/2011/04/come-avviare-ubuntu-in-modalita-live-cd/

      Ciao! 😉

      • Grazie Davide.
        ieri ho seguito le tue istruzioni ed ora ho un bel cd con ubuntu. Ho anche provato a liberare lo spazio della partizione C: per far posto all’eventuale installazione di ubuntu (sempre da tue istruzioni, perchè la guida di windows è fuorviante); per ora niente di definitivo.
        Come dici tu ho infatti intenzione di provare con il live (ho già nei preferiti i tuoi capitoli). Mi ci vorrà un po’ di tempo per abituarmi. Ma intanto comincio.
        Grazie di nuovo. Continua così. Stai facendo proprio un buon lavoro.
        dan

        • Ciao Dan! Grazie ancora per i complimenti! 🙂 Guarda, anch’io è solo da poco che utilizzo Ubuntu. Infatti, tutto quello che è pubblicato sul Blog, è una sorta di diario digitale basato sulle mie esperienze che faccio man mano. All’inizio, come tutte le cose nuove, è un po’ difficile ambientarsi, ma poi risulta tutto più facile! 🙂
          Allora, ti auguro Buona fortuna per la tua avventura con Ubuntu! 😉 Ciao!

  • Ubuntu 11.04 non mi fa andare avanti con l’installazione dopo che mi chiede se installare con rete aziendale. Mi da errore ed annulla tutto.
    Come mai?
    Le password per privilegi da amministratore son corrette….

    • Ciao Giovanni, prova ad installare Ubuntu normalmente e poi a configurare la rete ad installazione terminata. Ciao!

  • Ciao, faccio il punto della situazione.
    Io accendo il PC, quando devo scegliere il O.S. posso scegliere tra:
    1-Ubuntu 2.6.38-8-generic pae
    2-Ubuntu 2.6.38-8-generic pae (modalità ripristino)
    3-Previus Linux versions
    4-Windows Vista (Che ci fa? Bo..)
    5-Windows 7

    Se clicco sul primo non va. Il secondo non ho mai provato. Il terzo mi si apre un’altra schermata dove posso scegliere:
    1-Ubuntu 2.6.38-8-generic
    2-Ubuntu 2.6.38-8-generic (modalità ripristino)

    Il primo va Ubuntu..
    In conclusione “generic pae” non funziona. “generic” sì..
    Perché? Se ogni volta faccio così per entrare su Ubuntu va bene vero?

    Ciao e grazie!

    • Ciao Ivano! Grazie per avermi postato la situazione generale. Innanzitutto, ti posso dire che in linea di massima, non c’è nessun problema ad avviare Ubuntu attraverso la versione Ubuntu 2.6.38-8-generic.
      Infatti, ho scoperto che la versione “non pae”, serve solamente per i computer 32 bit che devono gestire più di 4GB di ram. Se non hai più di 4GB di ram o comunque, se ce gli hai, ma il tuo computer è un 64 bit, non c’è nessun problema.

      Comunque, per tentare di risolvere il problema dell’avvio tramite la versione pae, puoi provare a seguire questo metodo:
      Avvia Ubuntu attraverso Ubuntu 2.6.38-8-generic. Ora, dal menu, vai in “Sistema”, “Amministrazione”, “Gestore pacchetti”. Ti comparirà una schermata in cui ci sono vari pacchetti che puoi installare/aggiornare/reinstallare ecc.

      Tu, cerca questi:

      linux-image-2.6.38-8-generic-pae
      linux-generic-pae
      linux-headers-generic-pae
      linux-image-generic-pae
      linux-headers-2.6.38-8-generic-pae

      Per facilitare la ricerca, magari, aiutati con il filtro rapido di ricerca. Tu, reinstalla tutti i componenti che ti ho indicato.
      Fatto questo, riavvia il computer. Dovresti essere in grado di accedere al sistema anche attraverso la versione “pae”.

      Questa procedura l’ho letta su questo Blog: http://davidjb.com/blog/2011/05/ubuntu-11-04-boot-freezes-with-2-6-38-8-generic-pae-kernel in cui l’autore ha descritto il tuo stesso problema (l’unica differenza è che ha aggiornato partendo dalla versione 10.04), risolvendolo con la soluzione che ti ho indicato poco sopra.

      Fammi sapere se anche tu riesci a risolvere in questo modo, ciao! 😉

      • Ciao Davide, sempre disponibile e gentile! 😀
        Io ho questo problema… Quando installo qualsiasi pacchetto, al 65% della lettura database si blocca l’installazione. (Non parlo dei pacchetti che mi hai detto di installare tu ma di qualsiasi programma che cerco di installare)
        Appunto per questo non riesco ad eseguire la procedura che mi hai detto di fare! O meglio trovo tutti quei pacchetti e li reinstallo (Alcuni installo!) ma poi quando deve scaricarli compare quel problema!

        Ciaoo! 😀

        • Ciao Ivano. Ti esce qualche scritta particolare che identifica l’errore oppure ti mostra solamente che l’installazione è stata bloccata, senza darti nessuna motivazione? Fammi sapere, ciao!

        • Ciao Ivano. Ti esce un errore in particolare oppure ti mostra solamente che l’installazione è stata bloccata, senza darti nessuna spiegazione? Fammi sapere, ciao!

  • Ciao, grazie della risposta!
    Anche io avevo pensato di entrare lì, ma per la paura di fare cavolate ho aspettate la tua risposta. Quindi adesso sono entrato su Ubuntu, sto scrivendo da lì. Dovrebbe essere la versione che avevo prima vero? Sbaglio? Perché è diversa. Così è come vedo io il Desktop http://img8.imageshack.us/i/schermatasn.png/
    Come faccio a capire che versione è?

    • P.S. Si avevo fatto scelto l’upgrade alla versione 11.04

      • Ciao Ivano! Molto probabilmente, allora, il problema lo ha generato l’upgrade dalla versione 10.10 alla 11.04. Io, non l’ho ancora fatto, però cercando in rete, ho letto che l’aggiornamento da una versione all’altra di Ubuntu, crea molto spesso problemi. Dall’immagine che mi hai linkato, mi sembra che tu stia utilizzando Ubuntu 11.04 (lo riconosco dall’interfaccia Unity del desktop).

        Comunque, per sapere di che versione si tratta, fai così:
        Prima di fare il login, in basso, ci dovrebbe essere un campo che specifica a che versione di Ubuntu vuoi accedere. Tu, imposta “Ubuntu classico”. A questo punto, clicca su “Sistema”, “Informazioni su Ubuntu”. Nella finestra che apparirà, ci sarà una scritta che recita più o meno così: “You are using Ubuntu…” e al posto dei puntini, la versione in uso.

        Qualcuno, ha avuto il tuo stesso problema e ne ha parlato qui: http://forum.ubuntu-it.org/index.php?topic=457726.0 Alla fine, hanno risolto aggiornando i driver della scheda video…
        Volendo, se proprio non riesci a risolvere e non vuoi star lì a reinstallare tutto da capo, penso che non ci siano problemi ad utilizzare Ubuntu con la versione vecchia del kernel.

        Oppure, potresti chiedere direttamente sul forum ufficiale di Ubuntu, dove sicuramente qualcuno più esperto di me, saprà darti qualche dritta.
        Intanto, fammi sapere se, magari, aggiornando i driver della scheda video, riesci a risolvere il problema anche tu. Ciao!

        • Ciao, si comunque adesso ho la versione 11.04(natty).
          Ho provato ad aggiornare i driver della scheda video ma ho gli ultimi disponibili, però mi dice “Questo Driver è installato, ma non attualmente in uso”…

        • Ciao Ivano, allora, penso che non sia un problema di scheda video, dato che tanto i driver non sono attivi. Sinceramente, non so come si possa risolvere il problema. Ci deve essere qualche incompatibilità con il kernel nuovo, ma non so come individuarla.

          Ho trovato un messaggio di un utente che è riuscito a risolvere il problema. Ecco il link: http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,457898.msg3576106.html#msg3576106 Prova a seguire la soluzione proposta da ddtnero. Spero che possa funzionare anche con te, ciao! 😉

  • Ah ecco! Comunque adesso il problema è ben più grave, ho installato gli aggiornamenti, quindi dopo ho riavviato.
    Al riavvio, clicco su Ubuntu e solita schermata violacea con la scritta Ubuntu e i pallini sotto.. Non so se hai presente ma i pallini sono tipo da caricamento e cambiano colore. Ecco a me non cambiavano come se non stesse caricando. Inoltre l’icona che si illumina quando l’Hard Disk è in funzione, è spenta quando arrivo in quella schermata.
    La cosa strana è che se io clicco il tasto di spegnimento del PC, i pallini iniziano a caricare, ma ovviamente il PC dopo qualche istante si spegne.
    Ho provato a spegnere e riaccendere diverse volte ma niente, ho anche provato a rimettere nel’ordine originale il Boot..

    Ciao, spero potrai aiutarmi! 😀

    P.S. Ovviamente sto scrivendo da Win 7 che ancora funziona! 😀

    • Ciao Ivano, mi spiace che si sia verificato questo problema! Guarda, io purtroppo, non sono uno esperto Linux (sono anch’io all’inizio e quello che sto apprendendo, lo pubblico sul Blog) e non mi è mai capitato il problema che mi hai descritto. Una domanda, quando hai eseguito gli aggiornamenti, hai scelto di fare l’upgrade alla versione 11.04 di Ubuntu oppure no?

      Per provare a vedere se riesci a risolvere, prova a fare così: Quando accendi il computer, nella schermata di boot, ci dovrebbe essere una prima voce che fa riferimento a Ubuntu seguito dalla versione di un kernel e un’altra che fa riferimento a Ubuntu Recovery. Dopo queste due voci, se gli aggiornamenti si sono comunque installati, ce ne dovrebbe essere un’altra che fa sempre riferimento a Ubuntu, ma con una versione precedente del kernel. Prova ad avviare Ubuntu tramite quella voce e vedi se ti dà lo stesso problema o meno.

      Fammi sapere, ciao!

  • Ho risolto praticamente a tutto..
    Grazie lo stesso! 🙂

  • Dimenticavo, quando sceglierò se utilizzare Win 7 o Ubunto? All’accensione vero?

  • Ciao Davide,
    dopo aver girato molto sul Web alla ricerca di una guida decente ho trovato questa che è a dir poco spettacolare, con questa anche chi non ha mai acceso un computer non dovrebbe avere problemi!
    Per ora ho solo passato una buona mezzora a leggermi tutte le guide e farmi un’idea di quello che dovrò fare.
    Appena ho tempo procedo!
    Però ho subito un paio di domande da farti:
    – Per la masterizzazione va bene qualsiasi disco con 700mb?
    – Quanto spazio mi consigli di dare a Ubuntu? (Ho un Acer con 250 gb di cui 160 disponibili, userei Ubuntu per le cose quotidiane, come Internet, e Windows 7 -sempre che Ubuntu mi piaccia- per usare programmi come Photoshop e giocare, quindi raramente.)
    – Il passaggio di provare Ubunto e necessario o passo passare direttamente all’installazione?

    Ciao, scusa per la lunghezza del post e delle domande! Eheh…

    E complimenti ancora per le guide super-dettagliate!
    Ivano.

    • Ciao Ivano! Grazie mille per i complimenti! Ho letto che hai risolto i tuoi dubbi… Se dovessi avere altre domande, chiedi pure. Se sarò in gradi di aiutarti, lo farò volentieri! 🙂 Ciao!

      • Ciao, si adesso sto scrivendo proprio da Ubuntu, ci devo fare un pò l’abitudine! 😀
        Comunque, quando ho installato Ubuntu non mi rilevava la connessione Internet (Normale poiché è Wi-Fi e prima bisognava mettere la password) quindi non ho scaricato gli aggiornamenti.
        Non dovrei avere problemi? Me li scarica lui adesso o devo cercarli io?
        Inoltre è rimasto qualcosa in Inglese, proprio poco, in qualche finestra c’è qualcosa in Inglese. Sono già andato su Supporto lingue e fatto tutto. Ma questo non è un problema!
        Per curiosità, perché dici di scrivere il nome utente in minuscolo se no non ci permetterai di andare avanti!? 😀

        • Ciao Ivano! Per quanto riguarda gli aggiornamenti, non avrai problemi. Più avanti, durante l’utilizzo, ti comparirà un avviso che ti chiederà se li vuoi scaricare e installare. Tu accetta e sei a posto.

          Per quanto concerne la presenza di alcune voci in inglese, dopo provo a guardare se anch’io ce le ho… Non ci ho fatto caso! 🙂 Magari, con i primi aggiornamenti, si risolve anche questo dettaglio.

          In quanto alla tua curiosità, beh… Errore di scrittura! 🙂 Volevo scrivere “altrimenti non vi permetterà di andare avanti”. Infatti, se cercavi di scrivere il nome con la lettera iniziale maiuscola, non potevi accedere alla fase successiva della configurazione. Grazie per la segnalazione! 😉

          Ciao!

  • Ciao Davide, complimenti per le tue guide molto chiare ed esaurienti, comprensibili anche a chi si sta “confrontando” con Ubuntu da pochissimo tempo. Ho già utilizzato la versione 10.10 in modalità prova per fare un pò la conoscenza con questo s.o. per me nuovo. Ora ho scaricato la 11.04 e vorrei installarla in un pc con 2 HD sui quali ho Win7 (su uno) e WinXPPro SP3 (sull’altro) in dual boot.
    Nelle tue guide parli di Ubuntu in dual boot o con Win7 o con WinXP sullo stesso disco, ma io che li ho entrambe (seppure su 2 hd separati) basta installarlo su uno dei due e poi scegliere tra Win7,WinXP e Ubuntu? Te lo chiedo perchè una volta ho provato ad installare il 10.10 ma mi son perso Xp, nel senso che avevo, in effetti, un DUALBOOT 8Win7+Ubuntu) ma WinXP , sebbene il disco non fosse stato toccato, non me lo faceva “scegliere”.
    Quindi, scusandomi per la lunga premessa, come posso fare per avere tutti e tre i sistemi in …”TRIPLE BOOT”? Ah, dimenticavo : per Ubuntu, potrei usare un terzo HD da 40 Gb come hd esterno. Grazie.

    • Ciao Carmine! Grazie mille per i complimenti! Purtroppo, è la prima volta che mi trovo davanti ad una situazione del genere. Sicuramente, il fatto che le due versioni di Windows siano già installate, è un punto a tuo favore. Infatti, se fossi nella situazione di dover installare Windows al posto di Ubuntu, il grub di Linux verrebbe cancellato e sostituito dal Master Boot Record di Windows. In quel caso perderesti Ubuntu dal “triple boot”…

      Secondo me, (ma te lo dico solo a livello ipotetico in quanto non ci ho mai provato), dovrebbe bastare installare Ubuntu nel disco di avvio. Se guardi nel bios, dovrebbe essere specificato qual è l’hard disk dal quale avviene il boot. In questo hard disk, dovresti installare Ubuntu. Agendo in questo modo, forse non perderesti Windows XP.

      L’altra volta, forse, se avessi cambiato l’ordine di boot, saresti riuscito ad avviare di nuovo Windows XP.

      Un’altra idea che mi è venuta in mente, ma che i puristi di Linux non gradirebbero, è quella di installare Ubuntu tramite Wubi come se fosse un programma di Windows. In questo modo, il Master Boot Record di Windows non verrebbe toccato e quindi in fase di boot, dovrebbero esserci tutti e tre i sistemi operativi.

      Comunque, dato che non vorrei dirti cose che poi potrebbero rivelarsi sbagliate, ti consiglio di provare a esporre la tua situazione sul forum ufficiale di Ubuntu (http://forum.ubuntu-it.org/), dove riceverai delle risposte da parte di persone sicuramente più competenti di me in questo campo.

      Mi spiace non poterti essere stato troppo d’aiuto, ciao!

      • Grazie Davide, ho già cercato nel forum di ubuntu ma non sono riuscito a trovare nulla che mi aiuti. Penso che installerò ubuntu sul disco di Win7, dove si trova il bootloader del dual-boot, dopo averlo partizionato, e vedremo cosa succederà.

        • Di niente, figurati!:) Se vuoi essere più sicuro, potresti aprire tu una nuova discussione sul forum (visto che non hai trovato nessun topic in cui ci fosse una situazione simile alla tua) e vedere se qualcuno è in grado di aiutarti. Comunque, vedi tu! 🙂 Fammi sapere come va a finire, ciao! 😉

  • si grazie adesso va a meraviglia ma mi sono accorto che ce ubuntu 11.04 decido di fare l’avanzamento ma mentre scarico i pacchetti nuovi mi dice impossibile proseguire l’avanzamento perchè non riesce a scaricare alcuni file tipo questo: Failed to fetch http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/pool/main/n/network-manager-applet/network-manager-gnome_0.8.4~git.20110318t152954.9c4c9a0-0ubuntu1_i386.deb Impossibile connettersi a it.archive.ubuntu.com:http: [IP: 2001:760:ffff:b0::37 80 come posso fare?
    ciao e grazie

    • Ciao Marco! Bene, sono contento che tu abbia risolto! 🙂 Per quanto riguarda l’aggiornamento, per adesso ti sconsiglio di farlo perché Ubuntu 11.04 è stato rilasciato solo da pochi giorni e i server sono abbastanza intasati. Molto probabilmente, è per quello che ottieni errori di quel tipo.

  • ciao Davide si per la lingua ho risolto, io uso hotmail per le email

  • ehilà davide sto cominciando a scoprire ubuntu ho solo due curiosità: quando lo avvio appare la lista degli utenti ce scritto “marco su marco seguito dal nome del computer” come faccio a eliminare il secondo “marco”? secondo, sto impostando la mia email ma non riesco a venirne a capo mi occorre davvero aiuto ciao e grazie

    • Intendi dire proprio alla schermata di login? Se è così, mi sembra strano perchè dovrebbe esserci solo il nome utente…
      Per quanto riguarda la tua seconda domanda, che servizio utilizzi per la tua mail (gmail, hotmail, virgilio ecc.)? Fammi sapere, ciao!

  • ciao Davide impeccabile come sempre d’altro canto, ti sto scrivendo con ubuntu il che significa che la tua guida ha dato i suoi frutti, grazie mille. solo una domanda come faccio ad avere ubuntu completamente in italiano

    Ciao e grazie ancora

    • Ciao Marco! Grazie mille per i complimenti, sono contento che tu ce l’abbia fatta! 🙂
      Strano che non sia già completamente in italiano. Comunque, per risolvere, vai in “Sistema”, “Amministrazione”, “Supporto lingue”. Da lì, dovresti essere in grado di impostare la lingua di sistema.
      L’unica volta che l’avevo fatto, mi aveva fatto scaricare vari aggiornamenti. Fammi sapere se così risolvi, ciao! 🙂

2 Trackback a questo post

  1. Come installare Ubuntu Linux in dual boot con Windows 7, Windows Vista o Windows XP - Giainel's Secrets - Webpedia
  2. Come installare Ubuntu Linux in dual boot con Windows 7, Windows Vista o Windows XP

Archivi