Giainel's Secrets

Apr
1
2011

Come conoscere quali Paesi sono soggetti ai filtri P2P di Telecom Italia

No, non è uno scherzo realizzato ad hoc per rendere più divertente la giornata del 1 Aprile. Ora vi spiego: Telecom Italia, poco più di un mese fa, aveva dichiarato che a partire dal 1 Marzo 2011, avrebbe cominciato ad applicare quelli che definisce come “Meccanismi temporanei e non discriminatori di limitazione all’uso delle risorse di rete disponibili”.

Cosa vuol dire questa serie di parole  messe assieme in parole povere? Semplice, questi meccanismi non sono nient’altro che filtri per limitare la banda fornita ai vari utenti.

Telecom Italia, come ha dichiarato nel comunicato sul sito ufficiale, ha deciso di adottare questa soluzione perpunirechi fa un uso eccessivo della banda che ha a disposizione, al fine di poter garantire il servizio a tutti gli utenti senza interruzioni e malfunzionamenti.

Questa forma di punizione, si baserà su una limitazione della banda per i programmi peer to peer e di file sharing, come Emule e uTorrent negli orari e nei giorni in cui c’è un uso più intenso della rete. In più, in casi particolari, Telecom Italia, potrebbe anche decidere di applicare una riduzione di velocità per quanto concerne la connettività Internet.

Inutile dire che a me sembra davvero paradossale questa soluzione. Sia chiaro: Non perché non è giusto che tutti possano accedere ai servizi della rete Internet in modo ottimale (dovrebbe essere la norma) quanto perché quando si sottoscrive un contratto in cui si garantisce tot banda in download e tot banda in upload, questa dovrebbe essere garantita a priori, indipendentemente dall’uso che uno decide di farne.

Non è detto poi che i programmi P2P siano utilizzati sempre per fini illegali. È vero, la maggior parte degli utenti li usa con quegli intenti, ma ci sono anche dati di grandi dimensioni, come può essere ad esempio la ISO si Ubuntu, che è davvero comodo scaricarli tramite programmi di file sharing.

Invece di ammettere che le loro centrali sono ormai vecchie ed avrebbero un forte bisogno di essere aggiornate, l’azienda ha scelto la strada più comoda e meno dispendiosa: Ridurre la banda al cliente!

Bel modo di operare! Senza contare che le velocità incredibili che vengono promesse, non sono neanche lontanamente vicine a quelle reali. Basta fare un semplice test della propria linea (come avevo descritto in questa mia guida) per accorgersene!

Come verificare se la zona in cui si abita è soggetta ai filtri

P2P di Telecom Italia

Se avete riscontrato un improvviso rallentamento della vostra linea, magari in particolari momenti della giornata e come provider avete Telecom Italia, la colpa potrebbe essere proprio di questi filtri applicati dall’azienda.

Per sapere se la vostra zona è  interessata da queste limitazioni, cliccate qui e scorrete la pagina fino a quando non arrivate alla tabella “Località interessate“. In questa pagina, potete trovare sia la provincia sia il comune in cui Telecom Italia sta in questo momento applicando i filtri alle linee ADSL dalle ore 14.00 alle ore 1.00 di ogni giorno della settimana.

Fino a poco tempo fa, questa pagina era bianca e solo da un po’ Telecom Italia, ha cominciato ad aggiornarla.

Voi cosa ne pensate di questa situazione? Siete d’accordo con Telecom Italia oppure non vi sembra giusto questa situazione? Per chi abita nelle zone attualmente caratterizzate dalle limitazioni, può dirmi se sta avvertendo forti cali di velocità o meno?

Fatemi sapere, lasciando un commento sul Blog. Ciao! 😉

Se l’articolo ti è piaciuto, clicca sul bottone “Wikio”, collocato in alto, sotto il titolo del post. Verrai reindirizzato su una nuova pagina e potrai votare il mio articolo cliccando sul simbolo “Vota”. Grazie per l’attenzione. Con questa azione potrai contribuire ad aumentare le visite al mio blog e renderlo più conosciuto nel web.

Ti potrebbero anche interessare:

About the Author: Davide Ginelli

Mi chiamo Davide, anche se su questo Blog, utilizzo il mio nickname, Giainel. Sono un ragazzo di 21 anni e frequento il corso di Informatica presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca.

2 Commenti      Comments RSS Feed

  • Ciao Gainel.
    Manco dal tuo blog da una vita e ½. Sono imperdonabile!
    Sul sito di Telecom Italia é evidenziato come “Orario di applicazione: dalle ore 14:00 alle ore 01 :00” e non fino alle 24.00 come da te indicato.
    Approfitto per augurarti un positivo 2012.
    M.

    • Ciao Mauri! Bentornato! 🙂 Grazie mille per la segnalazione. Ho provveduto a correggere il post. Grazie per gli auguri. Ciao e Buon Anno anche a te! 🙂

2 Trackback a questo post

  1. Come conoscere quali Paesi sono soggetti ai filtri P2P di Telecom Italia - Giainel's Secrets - Webpedia
  2. Come conoscere quali Paesi sono soggetti ai filtri P2P di Telecom Italia

Archivi