Giainel's Secrets

Mar
15
2011

Requisiti minimi e consigliati per installare Ubuntu Linux in dual boot con Windows 7, Vista e XP

Il 15 Novembre 2010, avevo realizzato un post in cui vi dicevo che sul Blog avrei cominciato a parlarvi di Linux, facendo riferimento in modo particolare ad Ubuntu. Da allora, di tempo ne è passato parecchio, senza che però cominciassi a trattare l’argomento. Tra una cosa e l’altra, ho sempre rimandato e mi scuso con Voi lettori.

Adesso, però, posso dirvi che finalmente, l’attesa è finita. Da oggi e a seguire, nelle prossime settimane, pubblicherò qui sul Blog tutto il materiale necessario affinché tutti, anche i meno esperti, possano installare facilmente Ubuntu in dual boot con Windows. Farò riferimento sia a Windows 7 (e quindi anche a Windows Vista) sia a Windows XP, così che non ci siano problemi per nessuno di voi.

Per iniziare, oggi, voglio fornirvi i dettagli riguardo i requisiti che il vostro PC deve soddisfare per poter installare Ubuntu in tutta tranquillità.

Requisiti Minimi

Innanzitutto, partiamo con i requisiti minimi. Come potete vedere subito qui sotto, Ubuntu può davvero funzionare su qualsiasi computer, compresi quelli più vecchi. Penso che ognuno di voi abbia un computer che soddisfi tale richiesta di potenza di calcolo e di spazio libero.

  • Processore 300 MHz x86
  • 64 MiB di RAM
  • Almeno 4 GiB di spazio libero su disco per un’installazione completa e per la partizione di swap
  • Scheda grafica VGA con una risoluzione minima pari a 640×480
  • Lettore CD-ROM

Requisiti Minimi Consigliati

Ora, invece, vi mostro quelli che, secondo il sito ufficiale di Ubuntu, sono i requisiti che un computer dovrebbe soddisfare per ottenere un’esperienza di utilizzo molto soddisfacente.

Anche in questo caso, quello che si pretende da un computer affinché Ubuntu funzioni in modo ottimale, è davvero molto poco. Infatti, credo che gli hard disk di tutti i PC, oggi, abbiano almeno 160 GB di memoria. Quindi, penso che 8 GB di spazio da dedicare a Linux, li possiate trovare facilmente!

Anche la quantità di ram richiesta è davvero esigua. Con l’avvento di Windows Vista (l’ormai lontano 2006) si sono cominciati a vedere tutti PC con 4 GB di Ram (chi lo ha utilizzato si ricorda quanto fosse pesante!) Io, sul mio computer fisso, ne ho ancora 2 GB, ma non ho nessun tipo di problema nell’utilizzare Ubuntu e nemmeno Windows 7.

  • Processore 700 MHz x86
  • 384 MiB di RAM
  • 8 GiB di spazio libero su disco
  • Scheda grafica con una risoluzione minima pari a 1024×768
  • Scheda audio
  • Connessione Internet

Requisiti Raccomandati per gli Effetti Desktop

Cosa significaEffetti Desktop“?  Ora, ve lo spiego! 🙂 Ubuntu, ha un’interfaccia grafica minimale (a differenza di Windows, non ci sono icone sul desktop), ma che può essere migliorata sfruttando gli effetti grafici che integra sotto il cofano.

Attivandoli, sarà ad esempio possibile trascinare le finestre aggiungendo un effetto di molleggiamento, molto simpatico. Detto così, so che non si capisce molto… Ma quando avrete Ubuntu sul vostro PC, capirete ciò di cui vi sto parlando.

Gli effetti grafici, ovviamente richiedono una quantità maggiore di risorse e una scheda video sufficientemente potente. Anche se il vostro computer non soddisfa tali requisiti, non c’è nessun problema.

Infatti, non sono necessari per il corretto funzionamento del sistema operativo. Questi sono solamente i parametri che un PC dovrebbe avere se volete dare un tocco di originalità all’interfaccia di Ubuntu.

  • Processore 1.2 GHz x86
  • 384 MiB di RAM
  • 8 GiB di spazio libero su disco
  • Scheda grafica con accelerazione 3D

Bene ragazzi, questo è tutto! Nella prossima guida, vi spiegherò come scaricare la ISO di Ubuntu e come verificarne la sua integrità, così da evitare ogni sorta di errori o problemi durante la sua installazione! Spero che questa serie di guide possa esservi utile e che vi possa aiutare nel provare ad esplorare un nuovo mondo, quale è Ubuntu, al di fuori di Windows!

Ciao ragazzi, alla prossima! 😉

Se l’articolo ti è piaciuto, clicca sul bottone “Wikio”, collocato in alto, sotto il titolo del post. Verrai reindirizzato su una nuova pagina e potrai votare il mio articolo cliccando sul simbolo “Vota”. Grazie per l’attenzione. Con questa azione potrai contribuire ad aumentare le visite al mio blog e renderlo più conosciuto nel web.

Ti potrebbero anche interessare:

About the Author: Davide Ginelli

Mi chiamo Davide, anche se su questo Blog, utilizzo il mio nickname, Giainel. Sono un ragazzo di 21 anni e frequento il corso di Informatica presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca.

13 Commenti      Comments RSS Feed

  • ciao, volevo solo sapere se dopo aver installato in dual boot ubuntu con windows 7, dopo come si fa a cancellarlo?

  • ciao gainel
    ho un dual boot windows 7 e ubuntu ma quando tento di lavorare con ubuntu il monitor si spegne dopo pochi minuti .
    ho proprio bisogno di lavorare con ubunto dato che a scuola da pochi giorni i pc sono tutti impostati solo con ubuntu e io vorrei fare un pò di pratica a casa per evitare figuracce con i bambini di terza elem- che ne sanno già più di me
    grazie dell’aiuto

    • Ciao Elena! Molto probabilmente, il problema è dovuto a qualche impostazioni di opzioni per il risparmio dell’energia. Non so quale versione di Ubuntu sia installata sui computer a scuola, però se è presente Ubuntu 11.04 o Ubuntu 11.10, per modificare le opzioni relative al risparmio energetico, devi procedere in questo modo:

      Dalla barra a sinistra che compare sulla scrivania (che per meglio intenderci, corrisponde al desktop di Windows), clicca sull’icona caratterizzata da una chiave inglese per accedere alle impostazioni di sistema.

      Ti si aprirà una finestra. Cerca la voce chiamata “Schermo” e cliccaci sopra una volta. Ti si aprirà una nuova finestra. Qui, togli la spunta dalla voce “Oscurare lo schermo per risparmiare energia”. Alla voce “Spegnere lo schermo”, imposta come periodo “Mai”.

      Alla voce “Blocco”, imposta “ON” e “Arresto dello schermo”.

      Dopo aver far fatto questo, riavvia il sistema. Teoricamente, il monitor non dovrebbe più spegnersi.

      Fammi sapere se risolvi o se hai una versione di Ubuntu diversa dalla 11.04 o dalla 11.10. Ciao! 😉

  • Grandissimo Giainel sapevo di poter contare su di te….Grazie 1000

    • Di niente, figurati! 😉 Spero funzioni bene, ciao!

  • Grazie Giainel aspettero’ con ansia i prossimi post x installare Ubuntu……nel frattempo potresti aiutarmi ????? Vedi, per gioco ho fondato un gruppo sulla mia pagina di facebook x riunire parenti e tutti coloro che portano il mio cognome. Come ho detto è nato x scherzo ma adesso si è ingrandito alla grande……..e ora entri in gioco tu mio “Mentore”….vorrei creare un albero genealogico dove tutte le famiglie possano fare il loro “ramo” di parentela x poi unirli tutti insieme e far nascere l’albero, appunto……..non so’ se ho reso l’idea,ma avrei bisogno di un bel programmino che mi salvi il lavoro in un formato immagine x poi caricarlo su facebook…oppure linkare le persone verso un sito in modo che possano aggiunger parenti etc….oppure mi consiglieresti qualcosa di semplice ma bello ???!!!! ASPETTO co ansia il tuo aiuto (più in ansia di butuntu)…………Grande Giainel grazie.

    • Ciao Papà Fabio! Hai avuto un’idea molto originale, bravo! 🙂 Guarda, ad essere onesti, non sono molto ferrato sull’argomento…
      Però, ho fatto delle ricerche e alla fine ho trovato un programma gratuito (in realtà, esisterebbe anche una versione a pagamento che include delle funzioni extra), che potrebbe fare al caso tuo. Il programma in questione si chiama Family Tree Builder e lo puoi scaricare da qui: http://www.myheritage.it/family-tree-builder
      Qui, trovi le funzioni che è in grado di espletare: http://www.myheritage.it/FP/Company/family-tree-builder-learn-more.php
      Da quanto ho capito, è possibile rendere privato l’albero genealogico creato (in modo tale che lo possano vedere solo i partecipanti del tuo gruppo) e lo si può condividere sul web.
      Fammi sapere se può fare al caso tuo, ciao! 😉

    • Caro Papà Fabio, ma nella vita non hai niente da fare che perdere il tempo con l’albero genealogico?

      • Ciao Pippo Inzaghi. Va beh, dai, ognuno può dedicare il proprio tempo a quello che più lo appassiona o lo interessa. Non ci vedo nulla di male…

  • grazie per i consigli per youtube con google chrome.
    tutto va bene adesso.

    vorrei installare ubuntu sul mio computer.
    l’ho già fatto scaricandolo da internet per windons, ma non riesco ad inserire i codici per il wireless.
    perciò vorrei disinstallarlo e ricominciare seguendo i tuoi consigli

    per sei un mito, consiglio a tutti il tuo sito.
    grazie ancora.

    • Ciao Kristian! Grazie mille per i complimenti e per la fiducia che dimostri di avere in me! 🙂
      Sono contento che la mia guida ti sia stata d’aiuto! 🙂

      Se dovessi decidere di disinstallare Ubuntu, ti devo dire che non basta eliminare la partizione in cui era presente. Infatti, quando Ubuntu viene installato sull’hard disk del computer, viene installato anche il Grub, che va a sostituire il Master Boot Record di Windows (viene proprio rimosso). Il Master Boot Record, ha la funzione di avviare Windows e, quando viene installato Ubuntu, è il Grub che pensa a questa funzione, permettendo anche l’avvio di Ubuntu.
      Il Grub è contenuto nella partizione di Ubuntu: quindi, se la si cancella, viene eliminato anch’esso e non essendoci più neanche il Master Boot Record, il computer non è più in grado di avviare il sistema operativo. Risultato: schermata nera e impossibile avviare il sistema operativo.

      Prima di procedere con l’eliminazione della partizione di Ubuntu, bisogna procedere con il ripristinare il Master Boot Record.
      Non so se sono riuscito a spiegarmi in modo chiarissimo. Nel caso, fammi sapere.

      Alla fine delle varie guide dedicate all’installazione di Ubuntu in dual boot con Windows, comunque, ti posso già dire che spiegherò come eseguire anche questi passaggi.

      Ciao! 😉

      PS Grazie di parlare ai tuoi amici del mio Blog! 😉

      • grazie, ma avevo scricato ubunto con wubi, l’ho tolto dai programmi e non sto avendo particolari problemi. in effetti come diceva il sito di wubi si poteva togliere quando si voleva

        ti faccio sapere se dovessero comparirne in futuro

        • Ciao Kristian! Ah, allora il problema non si pone! 🙂 L’installazione di Ubuntu tramite WUBI non aggiunge il Grub e il Master Boot Record rimane inalterato.
          La procedura che hai applicato per disinstallarlo è corretta! Ciao! 😉

2 Trackback a questo post

  1. Requisiti minimi e consigliati per installare Ubuntu Linux in dual boot con Windows 7, Vista e XP - Giainel's Secrets - Webpedia
  2. Requisiti minimi e consigliati per installare Ubuntu Linux in dual boot con Windows 7, Vista e XP

Archivi